Rapporti: I Pacers hanno trasmesso migliori offerte commerciali di Paul George da Celtics, Cavs

I Pacers sono stati duramente derisi per quello che hanno ricevuto dai Thunder in cambio di Paul George. Mentre Victor Oladipo e l’ex selezionatore del primo turno Domantas Sabonis sono entrambi giocatori capaci, non sono affatto vicini al ritorno uguale per un giocatore stellare del calibro di George.

L’accordo sembra peggiore solo se le offerte riportate che Indiana ha passato sono vere. È difficile sapere quanto seriamente prendere queste relazioni, perché nulla è concreto al momento. Tuttavia, se è vero, allora Indiana ha davvero lasciato cadere la palla su un ritorno di gran lunga migliore per George. C’è una voce in giro che i Celtics hanno fatto un’offerta per George alla scadenza e draft night che coinvolge tre scelte del primo turno e due antipasti.

“Nei loro ultimi tentativi di ottenere George negli ultimi giorni, non erano disposti a includere la prima scelta del draft del prossimo anno da Brooklyn o dai Lakers 2018

Sacramento 2019 pick che hanno ricevuto da Philadelphia come incentivo per il passaggio da No. 1 a 3 nel draft di quest’anno. Anche il Celtic non voleva separarsi dalle loro prime scelte degli ultimi due anni, Jaylen Brown e Jayson Tatum.

Ma le fonti hanno confermato che i C erano più che pronti a dare ai giocatori dei Pacers contratti migliori e scelte di draft multiple diverse da quelle menzionate nel paragrafo precedente. La migliore offerta era due antipasti-quasi certamente Jae Crowder e Avery Bradley-e tre prime scelte al draft.”

È difficile non prendere accordi che coinvolgono Boston con un granello di sale in questi giorni, perché ogni volta che i Celtics perdono uno scambio, viene fuori un rapporto che hanno offerto al mondo nell’accordo riportato che hanno perso. Detto questo, se Boston davvero ha offerto questo allora non c’è modo concepibile per difendere Indiana per passare su queste offerte. Tutti sono migliori di quello che George ha ricevuto.

C’era anche un accordo segnalato che avrebbe mandato Paul George ai Cavaliers, Kevin Love ai Nuggets e portato Gary Harris in Indiana. Questo ritorno potrebbe non sembrare così grande, ma probabilmente avrebbe coinvolto scelte di draft ed è stato molto meno costoso per loro stipendio saggio. Questo accordo potrebbe anche essere sostenuto come un ritorno migliore di quello che hanno finito con.

Nessun annuncio disponibile

È difficile capire quali offerte sono state effettivamente discusse al momento, ma in base alla reazione della lega è giusto dire che sono state fatte offerte migliori per Paul George rispetto a quelle che sono state prese. Perché Indiana ha scelto di andare il modo in cui hanno fatto è sconosciuto, ma è difficile difendere il commercio in questo momento con tutto ciò che viene fuori in risposta ad esso.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.