Procainamide Farmacologia

Gli effetti della procainamide:

La procainamide è efficace nel rallentare la conduzione negli atri, nei ventricoli e nel fascio del suo sistema di Purkinje. Lo fa da:

  • Prolungamento degli intervalli PR e degli intervalli QT
  • Rallentamento dei periodi refrattari degli atri e dei ventricoli
  • Rallentamento del periodo refrattario del nodo atrioventricolare

Procainamide Indicazioni per l’uso:

Procainamide è stato efficace per il trattamento della tachicardia sopraventricolare che ritorna dopo manovre vagali e adenosina erano inefficaci.

Aiuta a trattare:

  • Stabile ampio complesso tachicardia di origine incerta
  • Stabile tachicardia ventricolare monomorfa con il normale intervallo QT
  • fibrillazione Atriale con un rapido ventricolare tasso di risposta nei pazienti con Wolff-Parkinson-White (WPW), sindrome di recidiva di fibrillazione ventricolare o tachicardia ventricolare senza polso

Procainamide Precauzioni & Controindicazioni:

Ci sono alcune controindicazioni per l’uso di procainamide. Il team di ACLS deve essere a conoscenza di qualsiasi sensibilità nota alla procainamide o farmaci simili per il paziente.

La tossicità della digitale può complicare la depressione di conduzione atrioventricolare già esistente. Altre controindicazioni includerebbero blocco cardiaco di terzo grado o prolungamento preesistente del complesso QRS e intervalli QT. La procainamide deve essere evitata nei pazienti con intervalli QT prolungati e CHF associati.

Dosaggio adulto per procainamide:

L’uso di procainamide è limitato nelle ACL per arresto cardiaco, a causa della sua esigenza di infusione lenta e della sua efficacia un po ‘ sconosciuta.

Se usato per fibrillazione ventricolare ricorrente e tachicardia ventricolare senza polso, 20 mg/min devono essere somministrati per infusione endovenosa ad una dose totale di 17 mg/kg. Per tachicardia sopraventricolare, fibrillazione atriale e tachicardie complesse di origine incerta, la procainamide deve essere somministrata a 20 mg/min per infusione endovenosa per un totale di 17 mg/kg. Per il mantenimento, può essere somministrato a 1-4 mg/min titolato per effetto desiderato e la risposta del paziente.

L’uso di procainamide deve essere interrotto se si verifica una delle seguenti condizioni:

  • Soppressione dell’aritmia
  • Insorgenza di ipotensione
  • Ampliamento del complesso QRS superiore al 50% della larghezza del pretrattamento
  • Viene raggiunta la dose massima di 17 mg/kg

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.