Parker Beam, maestro distillatore di Kentucky bourbon, muore

LOUISVILLE, Ky. (AP) — Parker Beam, che ha portato avanti la storica tradizione bourbon-making della sua famiglia come maestro distillatore di lunga data per le distillerie Heaven Hill del Kentucky, è morto lunedì dopo aver combattuto la sclerosi laterale amiotrofica, meglio conosciuta come la malattia di Lou Gehrig. Aveva 75 anni.

La carriera di Beam come produttore di whisky ha attraversato più di mezzo secolo a Bardstown, nel Kentucky, Heaven Hill, una società di distillati a conduzione familiare e produttrice del famoso marchio Evan Williams. Beam era responsabile della distillazione e dell’invecchiamento di Evan Williams-il bourbon numero 2 al mondo-e di altri whisky di Heaven Hill.

“Era un vero gigante dell’industria molto prima dell’attuale rinascimento borbonico”, ha dichiarato Max L. Shapira, presidente di Heaven Hill Brands. “Senza dubbio, era impegnato nella nostra industria e possedeva una vera passione per il mestiere della distillazione.”

Il pedigree di Beam come produttore di bourbon era impeccabile. Come un nipote di Jim Beam, Parker Beam è nato in una famiglia che traccia le sue radici whisky-making in Kentucky a 1795, quando Jacob Beam istituito il suo primo ancora. Park Beam, nonno di Parker e omonimo, era il fratello di Jim Beam.

“Se tu fossi un fascio, si sorta di erano destinati a seguire le orme di tuo padre, nonni, cugini o zii,” Parker Beam ha detto in un’intervista del 2007 con l’Associated Press.

Un altro patriarca dell’industria, Bill Samuels Jr., lunedì ha definito il suo amico di lunga data “uno dei buoni.”Per alcune persone, vivere fino a un nome di famiglia leggendario può essere un peso, ma non così per Parker, Samuels ha detto.

“Nel suo caso, ha vissuto fino a e superato l’onere di avere il nome più famoso di bourbon”, ha detto Samuels, che si è ritirato dopo una lunga carriera come dirigente di Maker’s Mark.

Durante la sua lunga battaglia con il disturbo, Parker Beam ha raccolto fondi nella speranza di aiutare a trovare una cura.

Parker Beam era tra una piccola confraternita di maestri distillatori che supervisionarono la produzione in varie distillerie del Kentucky durante la rinascita di bourbon.

Secondo un rapporto del 2014 dell’Urban Studies Institute dell’Università di Louisville, la distillazione contribuisce ogni anno a product 3 miliardi di prodotto statale lordo all’economia del Kentucky, rispetto a billion 1.8 miliardi di due anni fa. Le esportazioni di Kentucky bourbon e Tennessee Whiskey hanno superato past 1 miliardo per la prima volta in 2013, secondo il Distilled Spirits Council. Entro il 2015, i ricavi combinati degli Stati Uniti per bourbon, Tennessee whiskey e rye whiskey sono aumentati del 7,8% a billion 2,9 miliardi, mentre le esportazioni di bourbon e Tennessee Whiskey hanno superato $1 miliardo per il terzo anno consecutivo, ha detto il gruppo.

Parker Beam ha iniziato la sua carriera a Heaven Hill nel 1960 e ha imparato il mestiere lavorando al fianco di suo padre, Earl. Il lavoro di master distiller si spostò di padre in figlio nel 1975 quando Parker Beam assunse il ruolo. Ha sviluppato i primi bourbon premium small batch e single barrel dell’azienda.

Quella partnership padre-figlio si è estesa ad un’altra generazione quando il figlio di Parker Beam, Craig, ha iniziato a lavorare a Heaven Hill nei primi anni 1980. Per anni, i Beams hanno condiviso i compiti come distillatori co-master. Parker Beam aveva il titolo di maestro distillatore emerito a Heaven Hill al momento di questa morte.

“Parker Beam non era solo un nome su una bottiglia — era l’incarnazione vivente del whisky all’interno — autentico, classico, ben stagionato e distillato dal duro lavoro vecchio stile e dall’integrità da gentiluomo”, ha detto Eric Gregory, presidente della Kentucky Distillers’ Association.

Craig Beam ha avuto il suo umile inizio. In una pausa estiva da scuola, pulì escrementi di piccione in un magazzino vuoto acquistato da Heaven Hill. In seguito ha guidato un camion per la distilleria e ha lavorato nell’operazione di imbottigliamento.

“Ho molto da vivere con mio padre e mio nonno”, ha detto Craig Beam all’AP nel 2007. “Ho un sacco di peso sulle spalle.”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.