Oca pigmea africana

Panoramica

“Dove vivo”

Le oche pigmee africane sono diffuse in gran parte dell’Africa subsahariana e nella nazione insulare del Madagascar. Abitano laghi d’acqua dolce permanenti o temporanei, stagni, paludi, paludi, delta interni, pianure alluvionali, fiumi a flusso lento e occasionalmente lagune costiere.

“Come vivo lì”

Le oche pigmee africane trascorrono la maggior parte del loro tempo nuotando e galleggiando sulla superficie di acque tranquille. Non arrivano spesso a terra, ma si appollaiano su rami a strapiombo sull’acqua e di solito posano su alberi parzialmente sommersi.

Questi piccoli uccelli acquatici possono essere facilmente trascurati durante il giorno, seduti immobili tra le ninfee. Fanno la maggior parte del loro foraggiamento al mattino presto o al tramonto. Mangiano semi di ninfea e i semi e le parti vegetative di altre piante acquatiche. Essi saranno anche afferrare piccoli pesci e insetti acquatici.

Le oche pigmee africane si trovano normalmente in coppie o in piccoli gruppi familiari. Sono un po ‘ nomadi, si muovono in risposta alle piogge stagionali, ma in realtà non migrano. Possono riunirsi in gruppi più grandi fino a 200 uccelli durante la muta o durante la stagione secca.

“Making my mark”

Questa piccola oca è davvero una piccola anatra! Anche se indicato come un’oca a causa del suo becco simile all’oca, le oche pigmee africane sono in realtà classificate come anatre appollaiate.

Maschi e femmine hanno quasi la stessa taglia, ma possono essere distinti dal colore del becco. I maschi hanno becchi gialli brillanti; le femmine hanno becchi grigiastri.

Allevare giovani

Le oche pigmee africane sono nidiacee. Di solito nidificano sopra l’acqua in cavità o cavità naturali degli alberi, ma sono stati trovati anche nidificanti in buche di scogliera, colline di termiti, scatole di nido artificiali e talvolta a terra in ciuffi di erba o supporti di papiro. Le coppie scelgono insieme i loro siti di nidificazione. Le femmine depongono frizioni di 6-12 uova e sono le uniche a sedersi sul nido, incubando le uova per 3-4 settimane. Le femmine poi si prendono cura dei loro piccoli per circa 7 settimane dopo la schiusa, fino al giovane fledge.

“What threats me”

Sebbene uova e nidiacei siano sicuramente vulnerabili alla predazione, molto poco è stato scritto sulle relazioni predatore-preda per questa specie. Le oche pigmee africane sono in declino in Madagascar dove vengono cacciate. Il degrado dell’habitat rappresenta anche una minaccia in tutta la gamma e può derivare dall’inquinamento, dall’insabbiamento o dal drenaggio intenzionale delle fonti d’acqua, nonché dall’introduzione di specie ittiche esotiche che alterano la composizione e la quantità di vegetazione acquatica.

Conservazione

Le oche pigmee africane sono elencate come specie di minor preoccupazione dalla IUCN, la principale organizzazione mondiale per la conservazione. Hanno una gamma estremamente ampia. La loro popolazione complessiva è grande e relativamente stabile.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.