La Mayo Clinic Q&A: la Vitamina D–troppo o troppo poco può portare a problemi di salute

Può 2, 2019

Dalla Clinica Mayo News Network, la Mayo Clinic, la Rete di Notizie

Credito: CC0 Pubblico Dominio

Cari Mayo Clinic: ho sentito diverse raccomandazioni da diverse fonti in materia di vitamina D. Un medico ha detto a mio marito che tutti coloro che vivono nell’Emisfero Nord dovrebbe prendere un supplemento di vitamina D ogni giorno, anche in estate. Cosa mi consiglia?

A: Capire quanta vitamina D hai bisogno può essere fonte di confusione perché ci sono diverse raccomandazioni su quanta vitamina D gli adulti dovrebbero ottenere. Utilizzando le raccomandazioni che rientrano nella fascia bassa, molti adulti non ottengono la quantità di vitamina D che dovrebbero. Poiché pochi alimenti contengono naturalmente vitamina D, mangiare cibi fortificati con vitamina D e assumere un integratore può essere utile.

La vitamina D è importante perché aiuta il tuo corpo a sostenere i normali livelli di calcio e fosforo. Poiché funziona come una chiave che consente al corpo di assorbire il calcio, la vitamina D svolge un ruolo fondamentale nella formazione e nel mantenimento di ossa sane. Aiuta anche a mantenere sani i muscoli, i nervi e il sistema immunitario.

La ricerca suggerisce che costantemente ottenere abbastanza vitamina D può ridurre significativamente il rischio per l’osteoporosi malattia assottigliamento delle ossa. La bassa vitamina D è anche associata a cadute, sclerosi multipla, artrite reumatoide, dolore cronico, diabete, ipertensione, malattie cardiovascolari e alcuni tumori. Tuttavia, un’associazione non significa che la bassa vitamina D causa queste condizioni, o che l’assunzione di un integratore di vitamina D le prevenga o le tratti adeguatamente.

La vitamina D si trova in alcuni alimenti, come tuorli d’uovo, formaggio, olio di fegato di merluzzo, fegato di manzo e pesce grasso come tonno, salmone, sardine, aringhe e sgombri. Ma la quantità di vitamina D in questi alimenti è piuttosto piccola. Negli Stati Uniti, molte persone ottengono la maggior parte della loro vitamina D dietetica da alimenti che sono fortificati con esso, tra cui latte, cereali e alcune marche di yogurt e succo d’arancia.

In generale, anche con alimenti fortificati, la dieta di solito non fornisce abbastanza vitamina D. E alcune condizioni di salute che influenzano il tratto gastrointestinale possono diminuire l’assorbimento della vitamina D e predisporre a bassi livelli ematici di vitamina D. È inoltre possibile ottenere la vitamina D attraverso l’esposizione diretta alla luce solare, anche se la quantità di sole è necessario ottenere abbastanza vitamina D può variare notevolmente.

Per le persone nei climi settentrionali o coloro che trascorrono la maggior parte del loro tempo in casa, un’adeguata esposizione alla luce solare può essere difficile da ottenere. Inoltre, se indossi regolarmente la protezione solare con un fattore di protezione solare superiore a otto – una mossa saggia per proteggere la pelle dal cancro—o se hai un tono della pelle più scuro, potresti non assorbire la vitamina D, anche quando sei fuori al sole.

Le raccomandazioni per la quantità giornaliera di vitamina D di cui gli adulti hanno bisogno attraverso la dieta sono cambiate nel corso degli anni. Attualmente esistono diverse raccomandazioni. L’Istituto di Medicina ha posto l’indennità dietetica raccomandata, o RDA, per la vitamina D a 600 unità internazionali (UI) al giorno per i giovani adulti e 800 UI al giorno per gli adulti di età superiore a 70. Altri esperti suggeriscono che i bisogni di vitamina D degli adulti sono molto più alti.

Mentre ottenere troppo poca vitamina D è associata ad effetti negativi sulla salute, ottenere troppa vitamina D può anche portare a problemi. Per questo motivo, grandi dosi non sono raccomandate a meno che qualcuno non abbia una condizione, come avere avuto un intervento chirurgico di bypass gastrico, in cui è difficile ottenere quantità raccomandate.

Mayo Clinic raccomanda che gli adulti ottengano almeno la RDA di 600 UI. Tuttavia, da 1.000 a 2.000 UI al giorno di vitamina D da un integratore è generalmente sicuro, dovrebbe aiutare le persone a raggiungere un adeguato livello ematico di vitamina D e può avere ulteriori benefici per la salute. Mentre non ci sono linee guida per controllare il livello di vitamina D nel sangue, può essere prudente nelle persone con osteoporosi o alcune altre condizioni di salute. Discutere con il vostro fornitore di assistenza sanitaria se può essere utile per controllare il livello di vitamina D.

Se hai problemi di salute in corso o una condizione di salute cronica, parla con il tuo fornitore di assistenza sanitaria prima di iniziare a prendere qualsiasi integratore alimentare, inclusa la vitamina D. Lui o lei può aiutarti a decidere se gli integratori sono appropriati per la tua situazione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.