il Suicidio è una Soluzione Permanente ad un Problema Temporaneo

Matteo D. Dovel*

Scienziato di Suicidology Internazionale per la Prevenzione del Suicidio – Las Vegas, Nevada, stati UNITI.

*Autore Corrispondente: Matteo D. Dovel
E-mail:

Visita per più articoli correlati alla Rivista Internazionale di Emergenza per la Salute Mentale e Umana Resilienza

Abstract

Secondo il lavoro di Sigmund Freud, tutti umani, il processo decisionale è basato su uno dei due probabili risultati: evitare il dolore o cercare piacere. Il comportamento è influenzato attraverso esperienze passate e condizionamento accoppiato con caratteristiche innate uniche per ogni individuo. I ricordi contengono una gerarchia che è determinata dal livello di intensità di un’emozione alla formazione di una memoria. L’unico aspetto di una memoria che influenzerà nel nostro processo decisionale è il livello di intensità presente in un componente di memoria.

È stato detto che “il suicidio è una soluzione permanente a un problema temporaneo”. Questa affermazione non è mai stata più vera di rightnow.

Secondo il lavoro di Sigmund Freud, tutte le decisioni umanesi basano su uno dei due probabili risultati: evitare il dolore o il piacere di cercare. Il comportamento è influenzato attraverso il condizionamento experiencesand passato accoppiato con caratteristiche innate uniche a eachindividual. I ricordi contengono una gerarchia determinata dallivello di intensità di un’emozione alla formazione di una memoria. L’unico aspetto di una memoria che influenzerà nel nostro processo decisionale è il livello di intensità presente in un componente di memoria. Maggiore è l’intensità, maggiore è l’influenza di un ricordo sul nostro processo decisionale. Tutti depressione, ansia, PTSD, disturbi dissociativi, e pensieri suicidi hanno una memoria inizio, traumi e / oserie di traumi condizionamento. Una volta identificata una memoria di origine, può ora essere mirata allo smantellamento, utilizzando un fenomeno naturale che si verifica in tutti gli esseri umani e regolando così la percezione di anindividual di questa realtà. Ora possiamo indirizzare un entirememory e / o trigger sensoriali per lo smantellamento. Una volta che una memoria è stata smantellata, trasferita, non si riformerà di nuovo nel suo stato originale.

image

Stigma è stato determinato per essere il singolo più grande ostacolo forindividuals per superare quando sperimentando pensieri suicidi. Stigmapuò essere temuto più dal compromesso emotivo che dall’oblio, ed è responsabile di bypassare l’istinto di sopravvivenza di base. Attraverso questa ricerca, il nostro obiettivo primario è quello di bypassare lo stigma e dare soluzioni pratiche a coloro che hanno la volontà di cercare aiuto.

image

Che cos’è un trauma? Un trauma è qualsiasi evento al di fuori del solito scopedella nostra esperienza di vita. I ricordi sono costituiti da tre componenti: dati sensoriali, emozioni e intensità. I dati sensoriali cambiano semprecome sperimentiamo la vita. Sperimentiamo tutte le emozioni umane nel tempoabbiamo circa cinque anni e tutte le emozioni possono essere ricondotte a uno dei due: paura o amore. Sulla base delle esperienze di vita di ogni persona, abbiamo una soglia che l’intensità attraversa sia attraverso extremefear o amore. Una volta che la soglia è stata attraversata, una memoria getsstuck tra la coscienza e sub coscienza, unableto essere elaborato alla fine della giornata come tutti gli altri ricordi. Thesetraumas è scarichi di potere enormi che richiedono le risorse considerevoli stanziate solitamente per funzionare il processo decisionale normale, la pianificazione, il compito, anddaydreaming. L’equilibrio deve essere raggiunto come una forma di affrontare queste distrazioni coscienti che vengono costantemente rafforzate attraverso stimoli di dati sensoriali simili. Quell’equilibrio viene in forma di depressione, ansia, PTSD, disordini dissociativi, pensieri andsuicidal.

Un progetto di ricerca iniziato nel 1991 sulle modifiche comportamentali ha scoperto un modello nel modo in cui risolviamo naturalmente i conflitti. È stato osservato che gli individui potrebbero avere attaccamenti estremi a priorexperiences, e in pochi minuti, hanno queste emotionsimmediately intense dissipate tutte con poca o nessuna memoria del intensitylevel precedente. Da lì, una procedura è stata sviluppata in 2006 calledEmotional Memory Removal (EMR), che si rivolge stimulitriggers sensoriali da phasing tra audio, visivo e cinestetico whilementally concentrandosi su un’emozione legata a un trauma. L’EMRalso bypassa lo stigma in quanto è auto-aiuto (Matthew D. Dovel, ‘SuicidePrevention Guide Booklets’, 2012).

Nel 2007 è stata sviluppata una seconda procedura denominata “Fase 4” e si rivolge alle esperienze traumatiche. La procedura 4 Fase è uniqueas è di auto-aiuto, veloce, semplice, e provato. La fase 4 è stata utilizzata negli interventi dal 2007 ad oggi dalla prevenzione internazionale dei suicidi come mezzo per affrontare la causa dei pensieri suicidi. Nel novembre del 2014, la procedura è stata messa online perquelli cercano auto-aiuto. Prima che la procedura andasse online su http://www.supportisp.org, la prevenzione internazionale del suicidio aveva una media di cinquanta visitatori del sito Web e quaranta chiamate di suicidio di emergenza al mese. Un grantwas fatto nel novembre 2014 da Google per la presenza del sito web uponhearing di questa nuova opzione per il sito SuicidePreventions suicida e internazionale ora riceve oltre duecento visitatori al giorno.Le chiamate 24/7 suicide hotline da novembre 2014 sono scese a una media di un chiamante a settimana (Matthew D. Dovel, International SuicidePrevention http://www.supportisp.org/suicidestatistics.HTML).

Va notato che con la rimozione mirata della memoria per essere efficace, gli individui devono avere la volontà, ma non la capacità,di perdonare se stessi e/o qualcun altro.

Valutazione dei risultati di (EMR) e ‘4 Phase’

• Chiedi a te stesso o a qualcun altro il livello di intensità delle emotioniallegato a un’esperienza utilizzando la scala 1-10 con ten che è il più alto. Successivamente, chiedi qual è il livello di intensità quando ricordi il trauma.

image

image

•Chiedi a te stesso o a qualcun altro quale sia la frequenza di questo evento nella tua coscienza, se potrebbe essere tutto il tempo, ogni giorno, ogni settimana, ecc. Una settimana dopo, chiedi quale è stata la frequenza per la scorsa settimana.

•Chiediti o qualcun altro subito dopo la procedura, c’è una sensazione di vuoto nell’area del tempio? La risposta dovrebbe essere sì. In caso contrario, ripetere la procedura o trovare la vera memoria mirata.

•Dopo che si verifica la sensazione di vuoto nell’area del tempio, la fatica dovrebbe verificarsi entro cinque minuti.

I risultati amnesici limitati al solo trauma sono comuni con queste procedure poiché i ricordi mirati non avranno più l’intensità che tiene insieme i componenti della memoria. Senza intensità, la memoria mirata non sarà più coinvolta nel processo decisionale; eliminando così la necessità di cercare l’equilibrio.

RISORSE

Blake J. Graham 2 gennaio 2013, L’arte di controllare l’attenzione: la storia di un maestro borseggiatore: http://theairspace.net/commentary/the-art-of-controlling-attention-a-master-pickpockets-story/
Kendra Cherry Psychology Expert, What Exactly is Hypnosis: http://psychology.about.com/od/statesofconsciousness/a/hypnosis.htm
Matthew D. Dovel, Scientist Suicidology, International Suicide Prevention a 501(c)(3) public no profit charity, Emotional Memory Removal (EMR), ‘Suicide Prevention Guide Booklet’ and Trauma reduction procedure, ‘4 Phase’: http://www.supportisp.org.
Programmazione Nero-Linguistica: http://en.wikipedia.org/wiki/Neuro-linguistic_programming
Psicologia definita: http://en.wikipedia.org/wiki/Psychology
Sigmund Freud 1922, Principio del piacere: http://en.wikipedia.org/wiki/Pleasure_principle_%28psychology%29
Top Ten Evil Experiments: http://listverse.com/2008/03/14/top-10-evil-human-experiments/
Controllo umano non etico, studi e ricerche sugli esseri umani, Romani: http://www.tribunesandtriumphs.org/roman-life/roman-punishment.htm

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.