Il piranha dal ventre rosso: che guastafeste!

I fatti rovinano davvero le più popolari storie agghiaccianti di piranha. Matt Ford rivela altre verità domestiche sulle specie dal ventre rosso.

Famoso come rapace predatore capace di spogliare rapidamente la carne dalle ossa e un pericolo per qualsiasi creatura che entri nelle sue acque, il piranha rosso (Pygocentrus nattereri, Kner 1858) è tra i pesci d’acqua dolce più famosi al mondo.

Di conseguenza, i display con questo animale “assetato di sangue” si trovano nella maggior parte degli acquari pubblici e hanno fatto parte di molte storie raccapriccianti ma fittizie.

Fortunatamente, il mantenimento in cattività informato dei piranha e dei loro parenti ha subito un boom relativo negli ultimi 15 anni e un certo numero di siti Web e forum sono dedicati a loro.

Sono disponibili molte specie diverse, ma la maggior parte sono catturate allo stato selvatico, costose e quindi oltre i mezzi della maggior parte degli hobbisti. P. nattereri è, tuttavia, allevato in numero, con novellame di dimensioni monete venduti piuttosto a buon mercato per un pesce che richiede cure specializzate e in ultima analisi costose.

Per gli appassionati è un ottimo soggetto da acquario, ma un pensiero e una ricerca adeguati sono essenziali prima dell’acquisto.

La qualità dell’acqua e la dimensione del serbatoio sono le due considerazioni principali, ma la manutenzione è altrimenti abbastanza semplice. Formato adulto è 30-40 cm/ 11.8-15.7 ” così anche un singolo esemplare avrà bisogno di un sacco di spazio.

Un serbatoio da 750/800 l / 165-175 gal sarebbe minimo per un gruppo.

Questi pesci non ‘crescono fino alle dimensioni del serbatoio’ ma possono diventare rachitici o addirittura deformati se angusti per troppo tempo. Inoltre, i giovani sono più cannibali degli adulti, quindi non allevarli in spazi ristretti se non molto ben nutriti. Una durata tipica è di 10-15 anni, quindi è necessario fare notevoli investimenti nel tempo e nello spazio per loro.

Produttori di rifiuti

I piranha producono tipicamente molti rifiuti, quindi uno o più filtri esterni sovradimensionati sono essenziali. Se possibile, acquistare unità con riscaldatori in-built o almeno montare una guardia riscaldatore robusto come adulti hanno danneggiato attrezzature sommerse.

Anche i sistemi di pozzetto funzionano bene e il riscaldatore può essere alloggiato al suo interno. Se il vostro carro armato tiene sotto 1.000 l / 220 gal, lo scopo di cambiare 30-50% del volume settimanale.

Alcuni hobbisti mantengono i loro piranha in vasche a fondo nudo per essere in grado di sifonare più facilmente il cibo non consumato, ma la ghiaia o la sabbia dell’acquario standard sono entrambi substrati adatti. Altro arredamento è fondamentalmente verso il basso per gusto personale, ma le piante possono essere mangiati, soprattutto se il pesce decide di deporre le uova. L’illuminazione è relativamente poco importante.

Si dice spesso che i piranha selvatici cacciano in branchi voraci, ma di solito solo i giovani si raggruppano in numero. I pesci più anziani esistono in aggregazioni sciolte e formano gerarchie di dominanza, quindi acquista un singolo esemplare o un gruppo di sei più.

I piranha non sono carnivori esclusivi, più accuratamente descritti come generalisti opportunisti. La loro dieta naturale consiste non solo di pesci vivi ma anche di invertebrati acquatici, insetti, noci, semi e frutti.

Alimentatori alette

Ogni mascella contiene una singola fila di denti triangolari appuntiti, affilati, usati come lame per forare e strappare, ma ugualmente per tagliare e schiacciare. Attaccano anche pesci malati o morenti, si nutrono delle pinne di specie più grandi e spazzano via le carcasse.

Tuttavia, gli assalti agli animali vivi che entrano in acqua sono rari e riguardano principalmente morsi accidentali, o casi in cui sono rimasti intrappolati in piccole pozze durante i periodi di siccità — ad esempio, quando il cibo è scarso e i piranha sono in numero innaturalmente elevato.

Tali fatti sono stati per lo più ignorati e mentre è vero che grandi gruppi sono stati registrati per spogliare animali di carne in pochi minuti, le circostanze vere, meno eccitanti, sono normalmente omesse.

Alimentazione in acquario

Non c’è bisogno di pesci vivi “feeder” nell’acquario. Questi non solo introducono il rischio di parassiti e malattie, ma non sono particolarmente nutrienti se non ben nutriti e messi in quarantena in anticipo.

Le carni animali come il pollo o il cuore di manzo contengono grassi e proteine eccessivi, alcuni dei quali i pesci non sono in grado di metabolizzare.

Invece offrono una dieta equilibrata di pesce congelato, crostacei, frutta, noci, semi, pellet galleggianti, più il lombrico occasionale.

Posso allevarli?

P. nattereri è facilmente allevato e i giovani allevati in vasca, come quello mostrato sopra, sono spesso disponibili su eBay e altri siti di aste.

La maturità sessuale viene raggiunta a circa un anno e a 10-15 cm/4-6″. A meno che non si può trovare una coppia sessuato iniziare con sei o più e consentire una coppia o due per formare naturalmente. In alcuni casi la deposizione delle uova è stata avviata da grandi cambiamenti di acqua fredda, ma in altri si è verificata naturalmente.

Quando i maschi entrano in condizioni sessuali, si isolano e scavano una zona di substrato usando la bocca e la pinna caudale. Qualsiasi pianta può essere tagliata e il nido risultante è difeso contro altri maschi.

Le femmine interessate rispondono mettendo in bocca il substrato attorno al nido e, quando sono pronte a deporre le uova, entrambe si scuriscono nel colore del corpo. Le uova e le uova vengono depositate in più lotti e sorvegliate dal maschio, a volte assistito dalla femmina. Nei serbatoi più grandi più coppie possono deporre le uova contemporaneamente.

Le uova si schiudono in due o tre giorni, con il nuoto libero degli avannotti al quinto.

A questo punto è meglio sifonarli in serbatoi più piccoli da 46-60 cm/18-24″ filtrati con spugna per prevenire la predazione. Sono necessari due o tre pasti di Artemia nauplii/microworm e cambi d’acqua di circa il 10% del volume al giorno.

Gli avannotti diventano sempre più cannibali, quindi dovrebbero essere spostati in vasche progressivamente più grandi in lotti di dimensioni simili.

Pensa attentamente prima di intraprendere un progetto del genere, poiché potresti finire con più di 1.000 giovani piranha con poco valore di vendita.

Lo sapevi?

I piranha sono un’importante fonte di cibo per molte comunità umane. Si dice che abbiano un sapore superbo quando vengono grigliati in una foglia di banana e serviti con salsa di pomodoro!

Incolpare tutto su una bravata per il presidente…

Secondo Herbert Axelrod il mito carnivoro iniziò quando l’allora presidente americano Theodore Roosevelt visitò il Brasile amazzonico nel 1913.

Era accompagnato da diversi giornalisti e i suoi ospiti brasiliani organizzarono diverse acrobazie pubblicitarie, una delle quali era che il presidente avrebbe “scoperto” un fiume che avrebbe poi preso il suo nome.

Fu scelto un affluente del Río Aripuanã precedentemente noto come Río da Dúvida (Fiume del Dubbio) ed è ancora oggi indicato come Río Roosevelt o Río Teodoro.

Quando arrivò le autorità brasiliane avevano preparato una sorpresa. Un tratto di diverse centinaia di metri era stato ripescato e per diverse settimane i pescatori avevano catturato centinaia di piranha adulti e li isolavano lì.

Dissero al presidente che lui e il suo entourage non dovevano entrare in acqua perché sarebbero stati mangiati vivi da pesci viziosi.Naturalmente questa notizia è stata accolta con scetticismo, così una mucca, citato come malato, vecchio e di stagione, è stato introdotto per l’acqua. Alcuni hanno sostenuto le sue mammelle erano stati tagliati aperto troppo.

Ciò causò una frenesia alimentare tra i piranha intrappolati e affamati e i giornali furono pieni di storie di pesci terrificanti e carnivori.

Tuttavia, fino ad oggi, non c’è ancora traccia di piranha selvatici che uccidono un essere umano

Suggerimento

Vuoi un characin predatore aggressivo che non ha bisogno di un enorme carro armato? Il pesce lupo dalle pinne alte (Erythrinus erythrinus) è una scelta eccellente, in particolare la colorata forma “rosso peruviano”.

Conservare un singolo esemplare in un serbatoio più grande di 100l/22 gal e dargli da mangiare pezzi di pesce crudo, gamberi, cozze, grilli e lombrichi.

Una tassonomia confusa

Il nome piranha è comunemente applicato a tutti i membri dei generi Pygocentrus, Serrasalmus, Pristobrycon, Pygopristis e Catoprion, ma in realtà è applicabile solo al primo.

Pygocentrus spp. sono i pesci indicati come ‘piranha’ (caribe in Venezuela) nei loro paesi di origine, con la maggior parte degli altri noti come pirambeba. Tutti sono membri della famiglia Serrasalmidae, un gruppo che attualmente comprende 16 generi, tra cui altri ben noti come Metynnis, Myleus, Colossoma e Piaractus.

La loro tassonomia è storicamente confusa e continua ad essere rivista, con Serrasalmus e Pristobrycon in particolare che presentano una serie di problemi di identificazione. È oltre lo scopo di questo articolo discutere la tassonomia in dettaglio, ma le conoscenze attuali suggeriscono l’esistenza di diversi cladi (gruppi di generi strettamente correlati) all’interno della famiglia, di cui il ‘piranha clade’ contiene tutti i piranha/pirambeba, più il genere Metynnis (Ortí et al. 2008).

In termini di “veri” piranha la maggior parte degli appassionati moderni continua a seguire il sistema nomenclaturale proposto da Fink (1993) in cui esistono solo tre specie: Pygocentrus piraya (Cuvier, 1819), P. cariba (Humboldt, 1821) e

P. nattereri.

Mentre le identità dei primi due rimangono in dubbio, Fink non è stato in grado di diagnosticare con precisione P. nattereri, e rimane incerto se la specie rappresenti un unico lignaggio evolutivo.

C’è anche il misterioso P. palometa, Valenciennes 1850, descritto dal Río Orinoco e ancora elencato valido da alcune fonti ma generalmente considerato un nomen dubium (nome dubbio) nonostante le occasionali apparizioni sulle liste commerciali.

P. nattereri si è rivelato difficile da identificare. P. piraya e P. i cariba sono endemici di singoli bacini fluviali (Río São Francisco, Brasile e Río Orinoco, Venezuela/Colombia, rispettivamente) e possiedono dettagli morfologici che consentono una diagnosi relativamente facile.

P. nattereri, tuttavia, è stato descritto dal Mato Grosso in Brasile, ma allora è stato registrato in gran parte del bacino del rio delle Amazzoni (Brasile, Ecuador, Perù, Bolivia e discutibile Colombia), così come il Río Essequibo (Guyana e Venezuela), più piccolo, costiero, scarichi nel nord-est del Brasile/il Guianas, più, più a sud, in Río Paraná (Brasile, Paraguay e Argentina) e Río Uruguay (Brasile, Uruguay e Argentina).

Colore e motivi variano notevolmente, a seconda della località e anche all’interno di una singola posizione. È noto anche che il colore varia a seconda del tipo di habitat.

I pesci che abitano gli ambienti di acque nere tendono ad essere più scuri con meno rosso/arancio rispetto a quelli provenienti da acque chiare o bianche, sebbene le popolazioni di acque nere siano apparentemente rare.

La morfologia e i modelli negli adulti possono variare in forma della testa e del corpo, presenza o assenza di macchie scure o segni reticolati sui fianchi e nella pigmentazione delle pinne.

Tali differenze hanno portato a descrivere alcune popolazioni come specie distinte, in particolare P. altus, Gill, 1870, dell’Amazzonia superiore e P. ternetzi, Steindachner, 1908, del Río Paraguay.

Sebbene i piranha siano commercializzati con entrambi i nomi, Fink ha studiato più di 100 esemplari provenienti da diverse parti dei drenaggi dell’Amazzonia e del Río Paraguay e non ha trovato caratteristiche coerenti che potessero essere utilizzate per definirli in base all’origine.

Avendo trovato tutte e tre le specie non diagnosticabili decise di sinonimizzare P. altus e P. ternetzi con P. nattereri, poiché quest’ultimo è il nome più antico disponibile per il gruppo.

Sebbene abbia ammesso che si trattava di un’opzione insoddisfacente, la classificazione di Fink è ancora in vigore. Nel 1997 ha osservato differenze nella forma corporea tra le popolazioni “settentrionali” e “meridionali” di P. nattereri, ma non è stato ancora in grado di ottenere prove sufficienti che rappresentino specie diverse.

L’analisi utilizzando campioni provenienti da molte località diverse può aiutare a risolvere una certa confusione, ma l’enorme portata di tale studio è probabilmente un fattore limitante.

Esperto Q e A

Dennis Day ha mantenuto piranha in acquari per più di 25 anni ed è co-amministratore del Regno Unito Piranha Forum.

Consiglieresti la specie dal ventre rosso ai nuovi arrivati piranha?

Pygocentrus nattereri è una specie ideale per iniziare.

Che cosa è una buona dieta?

Avendo allevato diverse centinaia di P. nattereri ho scoperto che il brineshrimp appena nato, alternato a microworm, era un buon primo cibo per friggere.

A cinque o sei settimane passare a bloodworm tritato e pesce lancia schiacciato, passando a bloodworm intero e pesce lancia a otto settimane, insieme ai lombrichi come proteina.

Non prima di 20 settimane li darei da mangiare a filetti di pesce, calamari e gamberi crudi. Non ho mai nutrito nessuno dei miei pesci con carne di mammifero.

A otto settimane è possibile ottenere loro di pellet alimenti, come Hikari Oro. Gli alimenti a pellet che affondano non sono una buona idea in quanto possono essere persi, intrappolati nell’arredamento e marcire.

Quali sono le probabilità che io venga morso durante qualsiasi manutenzione del serbatoio?

Praticamente nullo. Si dovrebbe essere attivamente inseguendo il pesce con la mano e cercando di angolo prima di essere attaccato.

L’unico altro modo per ottenere morso è quando rete il pesce, mettendo la mano sopra la rete o raccoglierlo.

Dato che il mercato è già invaso da loro, qual è la tua opinione sul numero di hobbisti che allevano P. nattereri?

Vale sempre la pena allevare pesci, qualunque siano i numeri disponibili nei negozi, ma allevare P. nattereri su base commerciale non è una buona idea, poiché l’esborso supera di gran lunga il reddito.

Se ti è piaciuto questo articolo, perché non sottoscrivere un abbonamento a Practical Fishkeeping magazine? Scopri la nostra ultima offerta di abbonamento.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.