I probiotici possono aiutare dopo le colonscopie a sconvolgere il microbioma e indebolire il sistema immunitario?

Dr. Ohhira della Probiotici in Capsule

Il mantenimento di un sano microbioma è oggi riconosciuto come uno dei fattori più critici per quanto riguarda la salute in generale. Così, ogni volta che il microbiome è danneggiato o interrotto, i punti dovrebbero essere prende appena possibile ristabilire un microbiome sano.

Fino a poco tempo fa, i prodotti probiotici commerciali erano considerati il modo migliore per ristabilire un microbioma sano. Alcuni scienziati del microbioma stanno ora suggerendo che la somministrazione diretta di metaboliti postbiotici è un metodo più rapido ed efficace per ottenere un rapido ripristino del microbioma.i metaboliti postbiotici è il termine che si riferisce alla vasta gamma di composti che regolano la salute che i batteri producono e secernono nel tratto intestinale quando digeriscono e fermentano il contenuto di fibre negli alimenti che mangiamo.

Le colonscopie sono universalmente riconosciute come il test più accurato per il cancro del colon-retto e la diagnosi precoce salva vite. Il cancro del colon-retto è la seconda causa principale di decessi correlati al cancro negli Stati Uniti e si stima che oltre 50.000 americani moriranno di cancro del colon-retto in 2018.ii È generalmente raccomandato adulti di età compresa tra 50-75, dovrebbe avere una colonscopia ogni 10 anni e circa 15 milioni di colonscopie vengono eseguite negli Stati Uniti ogni anno.

Le colonscopie sono promosse come procedura sicura quando eseguite da medici che hanno esperienza nell’esecuzione della procedura. Tuttavia, studi recenti riportano che gli effetti collaterali delle colonscopie sono più comuni di quanto riportato in precedenza. Si ipotizza che alcuni di questi sintomi siano correlati ad alterazioni del microbioma intestinale derivanti dalla procedura utilizzata per pulire l’intestino in preparazione di una colonscopia.

Colonscopie disturbare il microbioma

Gli effetti indesiderati più comuni dopo una colonscopia sono dolore e gonfiore addominale o gonfiore. Uno studio pubblicato nel 2015 ha riferito che il 20% dei pazienti avverte dolore per 2 o più giorni dopo una colonscopia. In questo studio in doppio cieco, controllato con placebo, i pazienti che hanno assunto probiotici dopo la colonscopia hanno avuto una diminuzione del 30% del numero di giorni di dolore post-colonscopia.iii

Assunzione di probiotici prima della colonscopia Aiuto

In un altro studio in doppio cieco, controllato con placebo, 104 pazienti con stitichezza sono stati somministrati probiotici o un placebo al giorno per due settimane prima della loro procedura di preparazione intestinale pre-colonscopia. Il pretrattamento con probiotici ha comportato una pulizia intestinale più efficace, una migliore visualizzazione della mucosa del colon durante la colonscopia e una riduzione dei sintomi di disagio intestinale dopo la colonscopia.iv

Acquisti di probiotici prima della colonscopia?

Gli integratori probiotici come la formula originale del Dr. Ohhira sono una buona scelta per migliorare la salute digestiva prima e dopo la prossima colonscopia!

Rottura a lungo termine del microbioma dopo la colonscopia Preparazione dell’intestino

Il polietilenglicole (PEG) è uno degli agenti più comunemente usati per pulire l’intestino prima di una colonscopia. I campioni fecali per l’analisi del microbioma sono stati raccolti da un gruppo di pazienti 1 settimana prima, il giorno della colonscopia dopo il completamento della procedura di preparazione dell’intestino PEG e di nuovo 30 giorni dopo. I risultati hanno rivelato che la pulizia dell’intestino PEG ha provocato cambiamenti duraturi nel microbioma. Un mese dopo, i partecipanti allo studio sono stati trovati ad avere una significativa diminuzione dei ceppi benefici di lattobacilli e un aumento significativo Proteobatteri, che può causare diarrea.v

Infezioni post-colonscopia 100 volte superiori a quanto si pensasse in precedenza

I risultati di uno studio pubblicato nel numero del 18 maggio 2018 della rivista medica GUT hanno riferito che i tassi di infezioni a seguito di colonscopie eseguite presso centri di chirurgia ambulatoriale (ASCs) erano più di 100 volte superiori al previsto.vi

Le ASCs sono strutture ambulatoriali in cui i pazienti possono eseguire procedure minori senza entrare in ospedale. Le ASCs sono in circolazione da diversi decenni, ma la loro popolarità è aumentata notevolmente negli ultimi anni poiché i pazienti hanno cercato alternative meno costose e più convenienti alle impostazioni ospedaliere tradizionali.

Il 70+ % del sistema immunitario risiede nel tratto gastrointestinale

Gli scienziati stimano che tra il 70 e l ‘ 80% delle cellule immunitarie del corpo si trovano nel tratto gastrointestinale.vii, viii Questa parte del microbiota intestinale è una complessa relazione e interazione tra le cellule linfoidi che risiedono nel rivestimento del tratto gastrointestinale, i batteri nel tratto intestinale e i metaboliti postbiotici prodotti dai batteri intestinali.

Disbiosi = Disfunzione immunitaria

Un microbioma sano è generalmente considerato costituito da circa l ‘ 85-90% di batteri benefici e solo il 10-15% di batteri “cattivi”.ix, x Disbiosi, o un microbioma patogeno, provoca disfunzione immunitaria, che aumenta il rischio di sviluppare la malattia.xi Pertanto, ogni volta che il normale equilibrio del microbioma è sconvolto o disturbato, è necessario agire rapidamente per ristabilire l’abbondanza predominante di batteri probiotici benefici e metaboliti postbiotici.

Non evitare la colonscopia

Le colonscopie sono importanti procedure di screening che aiutano i medici a rilevare precocemente il cancro del colon-retto. Di conseguenza, le colonscopie di screening riducono il rischio di sviluppare e morire di cancro del colon-retto.xii

Lo scopo di questo articolo NON è quello di spaventare o suggerire che le persone dovrebbero evitare una colonscopia, anche se si ha la sindrome dell’intestino irritabile o la malattia infiammatoria cronica intestinale. Invece, lo scopo di questo articolo è quello di incoraggiare i gastroenterologi e il pubblico in generale adottare misure per mantenere e/o ristabilire un microbioma sano dopo una colonscopia. Gli studi esaminati in questo articolo indicano che l’assunzione di probiotici prima e / o dopo una colonscopia contribuirà a ridurre l’incidenza di effetti collaterali e migliorare il sistema immunitario per prevenire le infezioni post-colonscopia.

Il metodo più veloce ed efficace per ristabilire un microbioma sano è quello di ingerire direttamente un prodotto che fornisce una combinazione di batteri probiotici e metaboliti postbiotici, come i probiotici del Dr. Ohhira.

I probiotici aiutano il colon?

Sì, abbassando i livelli di pH nelle feci del colon sono in grado di passare in modo pulito.

Puoi prendere i probiotici durante la preparazione della colonscopia?

Sì, gli studi hanno dimostrato che l’assunzione di integratori probiotici prima di una colonscopia può aiutare a mantenere il colon pulito.

i Klemashevich C. et al. Identificazione razionale dei postbiotici derivati dalla dieta per migliorare le funzioni del microbiota intestinale. Parere attuale in Biotecnologie. 2014 Aprile; 26: 85-90.
ii Levin B, et al. Screening per il cancro del colon-retto: Un confronto di 3 esami del sangue occulto fecale. JAMA Medicina Interna. 1997 Maggio 12; 157 (9): 970-976.
iii D’Souza B, et al. Studio controllato randomizzato di probiotici dopo colonscopia. ANZ J Surg. 2015 Luglio 17; 87 (9).
iv Lee H. Uno studio di fattibilità del pretrattamento dei probiotici come preparazione intestinale per la colonscopia in pazienti stitici. Dig Dis Sci. 2010 Agosto; 55 (8):2344-51.
v Drago L. Cambiamenti persistenti del microbiota intestinale dopo lavaggio intestinale e colonscopia. Eur J Gastroehterol Hepatol. 2016 Più; 28 (5): 532-7.
vi Wang P. et al. Tassi di infezione dopo colonscopia e osophagogastroduodenoscopy nei centri di chirurgia ambulatoriale negli Stati Uniti. Intestino. 2018 Maggio 18;
vii Bengmark S. Pre -, pro-e synbiotics. Opinione corrente in Nutrizione clinica e cura metabolica. 2001 Novembre; 4(6): 571-579.
viii Furness JB, et al. Meccanismi di degustazione e segnalazione dei nutrienti nell’intestino. II. L’intestino come organo sensoriale: risposte neurali, endocrine e immunitarie. Sono J Physiol. 1999 Nov; 277 (5 Pt 1): G922-8.
ix Hoffman R. Probiotici: supporto del ventunesimo secolo per un sano sistema digestivo e immunitario. Lettera di Townsend. Febbraio.- Signor 2007: 144.
x La scienza dei probiotici. Nutrizione Digest. Primavera 2006; volume 38, n. 2.
xi Shi N. et al. Interazione tra il microbioma intestinale e il sistema immunitario della mucosa. Mil Med Res. 2017 Spr 27;4: 14.
xii Umar SB, et al. La prova è nel budino: migliorare i tassi di rilevamento dell’adenoma riduce lo sviluppo del cancro del colon a intervalli. Transl Gastroenterol Hepatol. 2017;2:99.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.