Gli archeologi trovano resti di cavalli nell’antica Pompei stabile

Gli archeologi hanno portato alla luce i resti pietrificati di un cavallo imbrigliato e sella nella stalla di un’antica villa in un sobborgo di Pompei.

Il responsabile del parco archeologico di Pompei, Massimo Osanna, ha detto all’agenzia di stampa italiana Ansa che la villa apparteneva ad un alto ufficiale militare, forse un generale, nell’antica epoca romana.

Scavo
L’area stabile è scavata. Fotografia: Cesare Abbate / AP

Osanna è stato citato Domenica come dicendo che i resti di due o tre altri cavalli sono stati scoperti anche. Le terrazze della villa avevano vista sul Golfo di Napoli e sull’isola di Capri. L’area fu scavata durante i primi anni del 1900, ma in seguito risepolta.

L’eruzione vulcanica del Vesuvio distrusse la fiorente città di Pompei, vicino all’attuale Napoli, nel 79 d.C. Osanna dice che cenere vulcanica soffocante o vapori bollenti hanno ucciso i cavalli. Spera che la villa alla fine riaprirà per le visite pubbliche.

{{#ticker}}

{{topLeft}}

{{bottomLeft}}

{{topRight}}

{{bottomRight}}

{{#goalExceededMarkerPercentage}}

{{/goalExceededMarkerPercentage}}

{{/ticker}}

{{heading}}

{{#paragraphs}}

{{.}}

{{/paragraphs}}{{highlightedText}}

{{#cta}}{{text}}{{/cta}}
Remind me in May

Accepted payment methods: Carte di credito Visa, Mastercard, American Express e PayPal

Saremo in contatto per ricordarvi di contribuire. Cerca un messaggio nella tua casella di posta a maggio 2021. Se avete domande su come contribuire, non esitate a contattarci.

Argomenti

  • Archeologia
  • Italia
  • Europa
  • news
  • Condividi su Facebook
  • Condividi su Twitter
  • Condividi via e-Mail
  • Share on LinkedIn
  • Condividi su Pinterest
  • Condividi su WhatsApp
  • Condividi su Messenger

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.