Cosa sono i vaccini e come funzionano?

Che cosa sono i vaccini?

I vaccini sono quei preparati (prodotti con tossoidi, batteri, virus attenuati, uccisi o realizzati con ingegneria genetica e altre tecnologie) che vengono somministrati alle persone per generare un’immunità attiva e duratura contro una malattia stimolando la produzione di difese. Esiste anche un altro tipo di protezione generato dalle gammaglobuline, che producono immunità immediata e transitoria attraverso l’applicazione diretta di anticorpi.

 cosa sono i vaccini

¿Come funzionano?

Quando viene somministrato un vaccino, il sistema immunitario riconosce l’antigene, lo interpreta come la malattia e produce anticorpi (difese) contro la malattia.

Pertanto se la persona entra in contatto con il microrganismo contro il quale è stato vaccinato ad un certo punto della sua vita, le difese generate dal vaccino sono responsabili di proteggerlo per evitare la malattia o che è lieve.

Tipi di vaccini e forme di applicazione

I vaccini sono generalmente somministrati per iniezione, sebbene alcuni siano somministrati per via orale.

I vaccini possono causare sintomi?

L’iniezione può causare dolore, arrossamento e gonfiore nel sito di iniezione. Questi sintomi di solito vanno via da soli. In alcuni casi la febbre e il decadimento possono verificarsi per un paio di giorni. Se uno qualsiasi di questi sintomi persiste, è necessario consultare un operatore sanitario. I vaccini per vivere e i virus attenuati possono riprodurre leggermente la malattia, questo assicura che generiamo le difese.

Gli eventi gravi del vaccino sono molto rari.

Perché i vaccini sono così importanti?

I vaccini e l’acqua potabile sono i due strumenti più importanti per la prevenzione delle malattie. Molti anni fa, quando i vaccini non esistevano, alcune malattie causavano migliaia di morti all’anno. Una pietra miliare nella salute pubblica globale è stata l’eradicazione del vaiolo nel 1980. Attualmente sono in corso lavori per sradicare la poliomielite.

Cosa può accadere se non ci vacciniamo?

In caso di non vaccinazione, se abbiamo contatto con il microrganismo che causa l’infezione, potremmo avere la malattia. Alcune di queste malattie possono portare a gravi complicazioni o addirittura alla morte.

Inoltre, è essenziale rendersi conto che non solo possiamo ammalarci ma anche trasmettere le malattie a persone più vulnerabili che non possono ricevere vaccini come neonati, persone con basse difese, oltre 65 anni e persone incinte.

I vaccini hanno controindicazioni?

I vaccini a virus vivi e attenuati sono controindicati per le donne in gravidanza, le persone con sistema immunitario compromesso e altre situazioni particolari. Ecco perché è necessario informare il vaccinatore in caso di malattia o gravidanza in modo che possano valutare se è necessario effettuare una visita medica.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.