Cosa significano per te le modifiche del DSM-5

Il Manuale diagnostico e statistico-5 (DSM-5), pubblicato a fine maggio 2013, rappresenta anni di ricerca, dibattito e test sul campo. Chiamato la “Bibbia della psichiatria”, il DSM-5 include quasi ogni singola variazione possibile nel comportamento umano, e poi alcuni. Anche se non ancora visto da molte persone, se qualcuno, al di fuori della redazione, un certo numero di modifiche previste in DSM-5 sono già stati previsti.

l’articolo continua dopo la pubblicità

Le modifiche da DSM-IV-TR, la versione precedente del DSM-5 sono già state pesantemente criticate, tuttavia, inclusi due recenti libri sull’argomento. Psychology Today blogger Allen Frances, un membro del pannello DSM-IV, è stato forse il più esplicito e dettagliato nella sua obiezione al nuovo sistema. Gruppi di attivisti sono sorti, tra cui Boicottaggio DSM-5, e molti psicologi hanno firmato petizioni allo stesso modo sfidando la pubblicazione di DSM-5. L’American Psychological Association riferisce che il Center for Medicare and Medicaid Services (CMS) richiederà che tutti gli operatori sanitari coperti da HIPAA siano tenuti a utilizzare il manuale internazionale di classificazione delle malattie, non il DSM, a partire da ottobre 2014. Il direttore del NIMH Thomas Insel vorrebbe vedere la scienza guidare le diagnosi, non i criteri clinici.

La mia esperienza con la revisione del DSM-5 è stata la revisione del mio testo universitario di psicologia anormale per riflettere il nuovo sistema. Nel processo di completamento del testo, ho avuto l’opportunità di approfondire il DSM-5 in profondità. Ho letto ogni singola descrizione di diagnosi, articolo di ricerca e logica, tutti pubblicati sul sito Web DSM-5 (anche se non più disponibile). Ogni nuova diagnosi è stato ancorato alla sua vecchia controparte nel DSM-IV, e gli autori di ogni sottosezione profuso ampio dettaglio sulle informazioni disponibili al pubblico. Pertanto, è stato possibile vedere quello che ho chiamato “il buono, il cattivo e l’indifferente” che condivido con voi oggi. Dopo aver esaminato questi, vedremo cosa significheranno questi cambiamenti per te.

Il buon

DSM-5 sta eliminando quello che era un sistema diagnostico a cinque “assi” piuttosto ingombrante precedentemente in uso che richiedeva ai medici di valutare ogni cliente secondo criteri diversi dal loro principale disturbo psicologico. A parte il fatto che nessuno poteva veramente definire la parola “asse “(era approssimativamente una dimensione), i DSM precedenti includevano una combinazione piuttosto strana di disturbi della personalità e” ritardo mentale ” in un unico raggruppamento. Tutti gli altri disturbi sono stati collocati altrove. Inoltre, una raccolta di disturbi non correlati che “hanno avuto origine nell’infanzia” (ma non “ritardo mentale”) sono stati messi insieme in una sezione indipendentemente da quali fossero i sintomi. Eliminare gli assi è probabilmente una buona cosa in quanto faciliterà un po ‘ di questa confusione e confusione.

articolo continua dopo la pubblicità

Questo porta in primo piano un altro buon cambiamento. “Ritardo mentale “non viene più utilizzato come diagnosi, ma viene sostituito da” Disabilità intellettiva”, che rende DSM-5 coerente con le pratiche consolidate nel campo. Diverse altre diagnosi con terminologia probabilmente stigmatizzante sono state modificate, tra cui l’ipocondria (ora chiamata “disturbo d’ansia da malattia”) e le parafilie (ora chiamate “disturbi parafilici”). Gli autori del DSM-5 ritenevano che questi cambiamenti fossero giustificati non solo per il gusto di essere politicamente corretti, ma perché i termini sono più accurati. Una serie di modifiche simili sono state apportate all’interno di ciascuna delle principali categorie di disturbi.

Il disturbo autistico viene ora eliminato come diagnosi e viene sostituito da ” disturbo dello spettro autistico.”Nel processo di apportare questo cambiamento, gli autori del DSM-5 hanno anche deciso di eliminare la diagnosi del “Disturbo di Asperger”. Questo ha fatto arrabbiare alcuni gruppi, che ritengono che Asperger meriti la propria diagnosi. Tuttavia, sto includendo questo cambiamento nel ” buono “(i lettori potrebbero non essere d’accordo) perché è stato chiaro per un certo numero di anni che il concetto di” spettro ” è utile per la famiglia dei disturbi autistici. Infatti, molti ricercatori ritengono che tutte le categorie dovrebbero essere eliminate interamente a favore delle valutazioni dimensionali, e anche se questo non è accaduto, potrebbe in futuro DSM.

Un’altra buona serie di cambiamenti comporta la riorganizzazione e l’eliminazione di alcuni disturbi che non avevano più senso nel nuovo quadro. Ad esempio, il disturbo ossessivo-compulsivo ora si inserisce nel proprio raggruppamento invece di essere posto con disturbi d’ansia. Le prove non supportano l’idea che l’ansia sia alla radice di questo disturbo. Allo stesso modo, PTSD è ora parte di un nuovo gruppo chiamato “Trauma e disturbi legati allo stress” che, ancora una volta, mette in evidenza la natura sottostante di questi disturbi e gruppi con altri che portano una relazione sostanziale.

l’articolo continua dopo la pubblicità

Le linee guida per la valutazione del suicidio vengono incluse anche in DSM-5. Ciò fornirà ai medici una maggiore struttura nella valutazione degli individui che possono presentare un rischio per se stessi.

Nell’area della schizofrenia, gli autori del DSM-5 credevano che le distinzioni tra i 5 sottotipi (ad esempio “disorganizzato”, “indifferenziato”) non fossero supportate da prove di ricerca, né i medici potevano sempre distinguere in modo affidabile tra loro. Questa è una buona notizia particolarmente per le legioni di studenti universitari che non devono più memorizzare questi termini un po ‘ confusi. Ancora più importante, tuttavia, altre modifiche apportate all’interno della diagnosi di schizofrenia permetteranno ai medici di valutare la gravità dei sintomi di un cliente in un modo che porta significato.

Il cattivo

Molti critici del DSM-5 hanno le loro legittime lamentele sui difetti del nuovo sistema. Ad esempio, l’inclusione di “Lieve compromissione neurocognitiva” ha il potenziale molto reale di patologizzare i normali cambiamenti legati all’età nella cognizione che molte persone sperimentano e portano le persone con lievi problemi di memoria a correre alla conclusione che hanno demenza (un termine eliminato, a proposito). Un qualcosa “mite” sembra un termine strano da includere in un sistema diagnostico psichiatrico.

Altri cambiamenti che attirano critiche diffuse (oltre a ciò che ho menzionato sopra su Asperger) includono allo stesso modo un generale ampliamento della rete nosologica (che significa diagnostica) o, messo in termini laici, facendo sembrare malato ciò che è normale. Ampliando le diagnosi di, ad esempio, disturbo depressivo maggiore, gli autori del DSM-5 hanno eliminato la cosiddetta “esclusione del lutto” in cui una persona in lutto ha avuto fino a 2 mesi per sperimentare gravi sintomi di depressione senza essere diagnosticata con un disturbo psichiatrico. La logica per eliminare l’esclusione è che una persona vulnerabile può avere un episodio depressivo innescato dal lutto, ma questa spiegazione non si adatta bene ai critici o ad altri ricercatori. Capisco entrambi i lati dell’argomento, ma ho intenzione di governare a favore del “cattivo” per questo particolare cambiamento. Allo stesso modo” Disturbo disforico premestruale “e” Disturbo disregolazione dell’umore dirompente ” sono due nuovi disturbi depressivi che patologizzano la sindrome premestruale e gli scoppi d’ira, secondo i critici.

articolo continua dopo la pubblicità

Non cambiare i disturbi di personalità è stato un non-cambiamento che ha portato anche a notevoli proteste, come ho rivisto in un post precedente. Capisco perché i cambiamenti non sono stati fatti, ma la preponderanza delle prove che favoriscono un sistema dimensionale invece di un sistema di categorizzazione mi è sembrata molto convincente, come ha fatto ai membri del gruppo di lavoro sui disturbi della personalità stessi. È probabile che questa decisione verrà rivisitata poiché fortunatamente le modifiche non implementate sono presentate in una sezione del DSM-5 che le rende disponibili per ulteriori test.

Come ho detto prima, i disturbi infantili sono stati praticamente tutti riclassificati. Tuttavia, nel processo di farlo, gli autori del DSM-5 hanno usato il termine “neurosviluppo” per i disturbi rimasti in questa categoria. Questo include il disturbo da deficit di attenzione e iperattività (ADHD). Il problema con la rietichettatura, secondo i critici, è che pone l’accento sulle cause biologiche dell’ADHD, riducendo al minimo i contributi comportamentali. Di conseguenza, sostengono i critici, le persone con questa diagnosi possono rivolgersi a interventi farmacologici invece di ciò che molti credono siano le strategie comportamentali più efficaci (e prive di effetti collaterali). Inoltre, i criteri per l’ADHD adulto sono stati leggermente ampliati, il che significa che la rete nosologica si espanderà per includere più persone con sintomi forse lievi o borderline.

L’indifferente

Hai già visto che ci sono pro con i con e con con i pro in DSM-5. Qui sto includendo diversi cambiamenti in cui c’è un po ‘ più di un equilibrio uguale (secondo me). Un’area riguarda la precedente categoria di disturbi dell’identità di genere, ora etichettata come “disforia di genere” (che significa tristezza estrema). I critici sostengono, come puoi immaginare, che le persone che cercano un intervento chirurgico di riassegnazione del genere non hanno un disturbo psichiatrico. Pertanto, il DSM-5 non dovrebbe nemmeno includere questa categoria. D’altra parte, le persone all’interno della comunità transgender che sono state consultate nella revisione del DSM-5 sembravano accettare l’idea che per quegli individui veramente disforici nell’altro genere, i loro sintomi erano abbastanza sostanziali da giustificare una diagnosi e senza questo, non potevano ricevere copertura assicurativa per la loro terapia e/o chirurgia.

Una nuova categoria chiamata “Binge-Eating Disorder”, che era nell’appendice del DSM-IV-TR, è ora inclusa nei disturbi alimentari sulla base di una revisione completa della letteratura che ha mostrato agli autori del DSM-5 che c’era una validità sufficiente alla diagnosi per giustificare la sua inclusione. Anche se i critici sostengono che tra cui questo disturbo, ancora una volta, patologizza comportamenti che non sono stati considerati “anormale”, i fautori citano non solo le prove di ricerca, ma il fatto che le persone con questo disturbo sarà ora data la stessa attenzione che viene data a quelli con anoressia nervosa.

Si verificano alterazioni in tutto il DSM-5 che hanno lo scopo di inasprire le definizioni che erano troppo allentate e includere alcune scale di valutazione aggiuntive di gravità. Alcuni disturbi specifici sono stati eliminati e raggruppati insieme come il disturbo dell’apprendimento. Inoltre, i criteri diagnostici sono stati ripuliti e chiariti, che sono cambiamenti che probabilmente porteranno ai medici a fornire diagnosi più valide.

Cosa significa per te

Questo non è un elenco completo di tutte le modifiche, con qualsiasi mezzo, e non esitate a lasciare commenti aggiuntivi qui o sulla mia pagina Facebook, o account Twitter, che potete trovare qui sotto.

Nelle prossime settimane, se non mesi, ci si può aspettare di vedere una grande quantità di critiche riscosse al DSM-5, se non l’intero campo della psichiatria. Sentirete anche che l’American Psychiatric Association sta lasciando il posto a grandi aziende farmaceutiche che vedono il nuovo manuale come aiutare piuma i propri nidi piuttosto sontuosi. Se hai un disturbo psichiatrico, conosci qualcuno che lo fa, o pensi che tu o qualcuno che ami potresti, la cattiva stampa che vedrai potrebbe scoraggiarti dal ricevere un trattamento. È anche possibile che finirai per essere così confuso (come in effetti molti professionisti sono) che ti dispererai di essere in grado di trovare il trattamento di cui tu, o i tuoi cari, potresti aver bisogno.

Nel complesso, lo scopo di avere diagnosi è quello di consentire ai professionisti della salute mentale di utilizzare un linguaggio comune quando lavorano per conto dei loro clienti. Inoltre, senza diagnosi, i ricercatori non sarebbero in grado di confrontare i loro risultati da uno studio all’altro. La ricerca in psichiatria e psicologia anormale specifica costantemente la natura delle diagnosi delle persone che partecipano alla ricerca, e senza queste diagnosi non saprebbero come confrontare le loro scoperte. Inoltre, nel mondo dell’assistenza gestita, per non parlare dell’Affordable Healthcare Act, le diagnosi sono inevitabili. Gli autori del DSM-5 hanno valutato gli svantaggi dell’etichettatura dei clienti con una diagnosi rispetto ai vantaggi per loro di ricevere una copertura sanitaria.

Fortunatamente, ci sono molti trattamenti efficaci disponibili, tra cui psicoterapia, consulenza, gruppi di supporto e approcci comportamentali. Mentre gli esperti, i gruppi di consumatori, i sostenitori e vari altri gruppi pro e anti – DSM-5 continuano il dibattito, è ancora possibile beneficiare dei progressi compiuti nel campo sia ora, sia mentre passiamo al successore di DSM-5, qualunque cosa possa essere.

Il mio consiglio è di mantenere una mente aperta mentre leggi articoli sulla stampa o nella sezione di auto-aiuto di Internet (incluso questo blog). Hai la capacità di valutare le prove rilevanti per le tue preoccupazioni. Come si suol dire, “parla con il tuo medico”, ma in questo caso aggiungerei ” parla con il tuo psicologo.”Stiamo ascoltando.

Seguimi su Twitter @swhitbo per aggiornamenti quotidiani su psicologia, salute e invecchiamento. Sentiti libero di unirti al mio gruppo Facebook, “Adempimento a qualsiasi età”, per discutere del blog di oggi o per porre ulteriori domande su questo post.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.