Controindicazione

Una controindicazione è una situazione specifica in cui un farmaco, una procedura o un intervento chirurgico non deve essere usato perché può essere dannoso per la persona.

Esistono due tipi di controindicazioni:

  • Controindicazione relativa significa che si deve usare cautela quando due farmaci o procedure vengono utilizzati insieme. (È accettabile farlo se i benefici superano il rischio.)
  • Controindicazione assoluta significa che l’evento o la sostanza possono causare una situazione pericolosa per la vita. Una procedura o un medicinale che rientra in questa categoria deve essere evitata.

Alcuni trattamenti possono causare reazioni indesiderate o pericolose in persone con allergie, pressione alta o gravidanza. Ad esempio, isotretinoina, un farmaco usato per trattare l’acne è assolutamente controindicato in gravidanza a causa del rischio di difetti alla nascita. Alcuni decongestionanti sono controindicati nelle persone con pressione alta e dovrebbero essere evitati.

Molti medicinali non devono essere usati insieme dalla stessa persona. Per esempio, una persona che prende warfarin per fluidificare il sangue non dovrebbe prendere l’aspirina, che è anche un anticoagulante. Questo è un esempio di controindicazione relativa.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.