Che cos’è il chinino?

¿che cos'è il chinino?  chinino buono

¿Sai cos’è il chinino, uno dei componenti principali del tonico?

Sapete tutti cos’è un gin tonic but…do sai cos’è il chinino, uno dei suoi componenti principali? Chinino o chinchona, è un alcaloide naturale, bianco e cristallino, con proprietà antipiretiche, antimalariche e analgesiche e ha un sapore molto amaro. Il chinino era il composto principale utilizzato nel trattamento della malaria fino a quando non è stato sostituito da altre droghe sintetiche più efficaci, come la chinacrina, la clorochina e la primachina.

Fare un po ‘ di storia … per centinaia di anni il chinino è stato ottenuto dalla corteccia dell’albero di chinino originario del Perù e utilizzato da prima dell’Impero degli Incas per combattere gli stati febbrili. Gli antichi peruviani lo usavano nella sua forma naturale strofinando o coprendo le ferite con la corteccia del tronco della quina di terra. Nel XV secolo, gli spagnoli portarono in Europa “la meraviglia che curava tutte le malattie” e fu usata da allora in quel continente, sebbene in Perù fosse già usata per migliaia di anni. Nel 1820, un metodo è stato scoperto per estrarre chinino e cinchonide che era un altro farmaco fornito dall’albero. Da quell’anno, hanno iniziato a usare questi farmaci al posto della corteccia stessa, come era stato fatto da tempo immemorabile. Attualmente è ancora usato per combattere la malaria, anche contro i crampi muscolari come il solfato di chinino (Zirconil di Pharma) e persino in cosmetologia.

 Chinino

Il chinino è usato come esaltatore di sapidità in acqua tonica

In gastronomia, il chinino è usato come esaltatore di sapidità in acqua tonica, dandogli il suo caratteristico sapore amaro. A causa degli effetti collaterali di alte dosi di chinino, la sua concentrazione è stata limitata dalla FDA degli Stati Uniti ad un massimo di 83 ppm. Questo valore è circa un quarto del valore terapeutico impiegato e si è visto che a queste dosi non ha alcun effetto dannoso sulla salute, piuttosto il contrario. Il tonico, oltre a fornire energia, grazie al suo contenuto di chinino, ha alcune proprietà: induce la secrezione riflessa delle ghiandole salivari e gastriche, a cui segue una vascolarizzazione della mucosa gastrica e un certo grado di attività della parete muscolare dello stomaco; in questo modo l’appetito si rafforza e la digestione è più “veloce e completa”, conferendo al tonico le sue proprietà digestive.

Origine del gin tonic.

E come è nato il famoso gin tonic? Come tutti sapete, il gin tonic risale a tempi immemorabili. Furono i coloni inglesi presenti in India, secondo la tradizione, a mescolare l’acqua tonica usata dagli indù con il gin, per compensare con il suo sapore dolce l’amarezza dell’acqua tonica, dando origine al noto cocktail gin-tonic, che attualmente è la bevanda più consumata alle feste e agli eventi. Oltre al suo sapore di gin con quel punto di amarezza, puoi attualmente provare sul mercato un’infinita varietà di tonici che mescolati con i gin più squisiti danno origine a una grande varietà di gin-tonici, ognuno con la sua personalità e il suo sapore finale.

Oggi troviamo sul mercato tonico aromatizzato con essenze, piante, frutti… dal tonico di cardamomo, fragole, pepe, limone, lime, mango e papaia, tonico a basso contenuto calorico, chinino, naturale, menta o menta…

Oggi vorrei presentarvi un tonico molto speciale che ho scoperto quest’estate e che vale la pena avere in frigo per condividerlo con gli amici o semplicemente godermelo da solo.

 Gin Tonic

Tonic Q Tonic. Chinino naturale

Sto parlando del tonico Q della casa The Water Company. Questo tonico recupera il chinino naturale che molte marche hanno sostituito con quello ottenuto sinteticamente; diventando così l’opzione più autentica e sana. Fresco ed equilibrato, ha il 60% in meno di calorie rispetto a tutti gli altri. Non solo è Ultra Premium, aiuta a mantenere la linea! Ed è che, senza essere leggero, è il tonico con meno calorie sul mercato. Una bottiglia contiene solo 24 kcal ed è equivalente a meno della metà di una mela. Senza dimenticare che il suo indice glicemico è inferiore dell ‘ 85%. Cioè, anche il rischio di convertire gli zuccheri in grassi diminuisce. La sua formula, frutto di una ricerca di ingegneri alimentari, dà origine a una bevanda analcolica unica nel cui processo di produzione non coinvolge sciroppi artificiali.

Oltre al chinino-raccolto ai piedi delle Ande peruviane e benefico per la circolazione e la digestione -, il resto degli ingredienti che lo compongono sono totalmente naturali: tripla acqua purificata, estratto di succo di limone e un altro dei suoi segreti meglio custoditi, l’agave biologica del Messico – un dolcificante che porta una dolcezza rotonda e aiuta a rafforzare le ossa.

Q Tonic ha un design molto suggestivo e la sua versatilità esalta il sapore del gin, del rum o della vodka, dando vita a miscele sorprendenti. Il prezzo di vendita consigliato di Q Tonic è di 2,70 € / u (187 ml).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.