15 migliori probiotici e prebiotici per prendersi cura della propria salute

all’Interno di una dieta equilibrata, l’assunzione di probiotici e prebiotici, è molto vantaggioso per la salute di tutto il corpo da una serie di motivi, a cominciare dal fatto che contribuiscono a una buona digestione e la manutenzione del microbiota intestinale.

Sulla base di questo, ecco un elenco dei migliori alimenti probiotici e prebiotici che puoi integrare regolarmente nella tua dieta. Prendi nota!

Prebiotici e probiotici: caratteristiche di ciascuno

Sicuramente sarai più che abituato a vedere in TELEVISIONE quegli annunci in cui diversi tipi di yogurt sono arricchiti con i cosiddetti “batteri buoni”. Questi sono probiotici; includono, ad esempio, il classico yogurt bianco, kefir, crauti o zuppa di miso, che ci aiutano a rafforzare il microbiota intestinale.

Ora, che dire dei prebiotici? Cosa sono? Ci danno anche batteri buoni? Sono microrganismi digestivi? Di seguito, approfondiremo tutti questi aspetti.

Probiotici

¿Qual è la differenza tra prebiotici e probiotici?
Gli unici integratori che sembrano essere favorevoli per gran parte della popolazione sono i probiotici. Di altri integratori sono necessarie ulteriori prove.

L’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) definisce i probiotici come: “microrganismi vivi che, se somministrati in quantità adeguate, producono un effetto benefico sulla salute”.

Sono batteri intestinali che ci permettono di stimolare i succhi digestivi e gli enzimi naturali per ottenere una corretta digestione. Si consiglia di consumare sempre alimenti probiotici biologici o in natura.

Potremmo essere un po ‘ spaventati nel pensare che il sistema digestivo sia “colonizzato” da tutta una serie di batteri. È ciò che è noto come microbiota intestinale; oltre ad essere vitale per la salute, è molto sensibile al tipo di dieta che seguiamo, così come allo stress e ad alcune malattie e tipi di farmaci.

Allo stesso tempo, questi microrganismi esercitano un meccanismo immunitario nella mucosa intestinale. La sua funzione è quella di impedire agli agenti patogeni di moltiplicarsi e causare alterazioni.

Il consumo di probiotici come latte fermentato ci protegge anche da molte malattie. Tuttavia, sottolineiamo il termine “fermentato”. Latte naturale ─cioè, non pastorizzato─ può essere, in alcuni casi, più tossico che benefico per l’intestino, perché ciò che fa è infiammare nel caso in cui soffriamo di intolleranza.

Prebiotici

I prebiotici sono un tipo di carboidrati che funge da substrato per i probiotici. Sono componenti che l’intestino non digerisce, ma che servono come base strutturale per offrire forza a quei microrganismi viventi che ci proteggono dagli elementi nocivi.

È chiaro, quindi, che prebiotici e probiotici sono strettamente correlati. La funzione del primo è quella di stimolare il sistema immunitario e promuovere lo sviluppo di batteri benefici nella flora intestinale; a loro volta, impediscono la crescita di agenti patogeni.

I prebiotici ci aiutano ad assorbire alcuni minerali come calcio e magnesio. Contribuiscono anche alla riduzione dei gas e promuovono l’equilibrio intestinale. Un altro vantaggio è che combattono la stitichezza e la malattia infiammatoria intestinale.

Leggi: La dieta influisce sul sistema immunitario?

I migliori probiotici che puoi consumare quotidianamente

Kefir

Kefir è latte di mucca o di capra fermentato. Ha un sapore acido e si sente molto bene grazie al suo processo di fermentazione; cioè quando la presenza dello zucchero originale del latte è ridotta al massimo.

Puoi consumare kefir liquido o granulato; è un’opzione altamente raccomandata per le tue colazioni. È uno degli alimenti più ricchi di microrganismi vivi, in grado di rafforzare e prendersi cura della salute dell’intestino.

Se consumiamo kefir su base regolare, ci aiuterà ad eliminare i batteri patogeni che popolano l’intestino. Molte volte, sono responsabili della causa della gastroenterite.

Leggi anche: Come curare il reflusso gastrico

Crauti

Potremmo dire che, dopo il kefir, i crauti-choucroute o choucroute-sono il secondo alimento più benefico per la flora batterica. I crauti sono cavoli fermentati o cavoli bianchi, ricchi di lactobacillum e bifidubacterium.

Questo alimento migliora la flora intestinale, ripristina il pH dell’intestino tenue, favorisce la digestione e consente un migliore assorbimento dei nutrienti. Il cavolo fermentato è ricco di vitamina A, B1, B2, C e minerali come ferro, calcio, fosforo e magnesio.

Altri alimenti con principi probiotici

  • Yogurt bianco.
  • Zuppa di miso.
  • Tè Kombucha.
  • Olive.
  • Cioccolato fondente.

I migliori alimenti prebiotici per giorno per giorno

 Alimenti prebiotici su un tavolo.

Carciofi

Secondo gli studi, i carciofi, oltre ad essere molto salutari per il fegato, sono uno degli alimenti prebiotici più adatti. Contengono tra il 3% e il 2o % di inulina, uno dei prebiotici più comuni.

Potresti essere interessato: altri 10 motivi per consumare carciofo

Radice di cicoria

Il secondo alimento più ricco di componenti prebiotici ─come l’inulina─ è la radice di cicoria. Puoi trovarlo nei negozi naturali per includerlo nei tuoi pasti o preparare infusi naturali appropriati.

Aglio

L’aglio contiene circa il 15% di inulina. Cosa ne pensi se consideri di prendere un aglio naturale con un bicchiere d’acqua ogni mattina? La tua salute ti ringrazierà!

Cipolla

La cipolla contiene tra il 5% e l ‘ 8% di inulina e si può mangiare cruda o cotta. Inoltre, come sapete, è un ingrediente comune in molti pasti e insalate.

Porro

Vi offrirà tra il 3% e il 10% di inulina. È anche perfetto per migliorare la salute della microflora intestinale, la funzione elementare di prebiotici e probiotici.

Crusca di frumento

La crusca di frumento è un altro alimento prebiotico che puoi includere nella tua dieta. Ti offrirà il 5% di questo tipo di sostanze così positive per il sistema digestivo e il benessere generale.

Farina di frumento

Se la consumi cotta e sempre con moderazione per non ingrassare, ti offrirà il 5% di prebiotici. Ancora una volta, questo è un ingrediente comunemente usato.

Banana

Se ami la banana, consumala quando vuoi. Mentre è vero che ci dà solo lo 0,5% di inulina, combinato con altri alimenti dalla lista qui citata, stimolerà i batteri intestinali a prendersi cura della propria salute.

Leggi: Tipi di fibre che aiutano maggiormente il microbiota

Consumando gli alimenti di questa lista, sempre all’interno di una dieta sana ed equilibrata, otterrai cambiamenti, migliorerai la tua salute gastrointestinale e godrai del benessere. Lo sai già, prebiotici e probiotici hanno molto da offrire ed è consigliabile integrarli regolarmente nella dieta, cercando sempre di mantenere l’equilibrio.

Se hai domande su come migliorare la tua dieta, consulta il tuo medico o nutrizionista.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.